Due nidi di tartaruga marina caretta caretta  sono stati scoperti da un gruppo di studiosi all’interno della riserva naturale orientata dell’ Oasi del Simeto in due distinti momenti di osservazione fra la fine di giugno ed i primi di luglio.

I nidi sono stati messi in sicurezza con una apposita recinzione ed un cartello di segnalazione.

Il ritrovamento è il risultato dell’attività di monitoraggio delle spiagge effettuato dal WWF  anche all’interno del Progetto “Nuova Oasi”, progetto che vede la riqualificazione dell’area protetta.

Il monitoraggio viene effettuato alle prime ore del mattino attraverso la ricerca delle tracce di emersione delle femmine di Caretta caretta. Adesso non resta che aspettare la schiusa delle uova, che avverrà nella seconda metà di agosto, ma intanto la Città Metropolitana che gestisce l’area lancia un appello confidando “nella collaborazione di tutti i cittadini per la tutela di questa specie protetta a rischio di estinzione”.