È stata un’esperienza arricchente e formativa quella che 24 alunni della 3A del  hanno vissuto nell’unità operativa di Pediatria dell’ospedale Cannizzaro, nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro.

Guidati dal prof. Concetto Giuffrida (tutor interno) e dalla dott.ssa Antonella Di Stefano (tutor esterno), gli studenti hanno lavorato in tre gruppi, occupandosi per tre mesi di aspetti diversi dell’assistenza.

Quelli impegnati nella qualità hanno somministrato ai genitori dei piccoli ricoverati un questionario dal quale è emerso l’apprezzamento per i servizi ricevuti e anche proposte di miglioramento; altri si sono cimentati con l’epidemiologia osservando le variazioni nei ricoveri per le principali patologie, soprattutto di tipo respiratorio; un terzo gruppo si è dedicato all’umanizzazione assistendo i bambini ospedalizzati e le rispettive famiglie e dedicando loro, alla fine, uno spettacolo.

“I ragazzi si sono misurati con un contesto lontano dalla quotidianità, riuscendo comunque ad operare con spirito di servizio”, ha detto Antonella Di Stefano, direttore dell’UOC di Pediatria, nel corso dell’incontro conclusivo del percorso, in cui i partecipanti al progetto hanno presentato il loro bilancio: per loro è stata una opportunità di crescita e i risultati sono stati ampiamente positivi, come ha attestato anche il prof. Giuffrida.

“Avete toccato con mano la complessità di un ospedale, dove ci si confronta con numerose difficoltà ma dove si può fare molto del ben”», sono state le parole di saluto e di ringraziamento di Salvatore Giuffrida, direttore sanitario dell’Azienda Cannizzaro.