“Nessuna revoca, Puccio La Rosa resta a pieno titolo presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti. Il Tribunale ha solamente nominato un curatore per la rappresentanza dell’Amt in giudizio. La Rosa, in quanto parte in causa, non avrebbe certo potuto farlo!”.

Salvo Parlato, assessore comunale alle Partecipate, interviene sul “caso Amt-La Rosa” sottolineando come l’ex esponente di Alleanza nazionale – ora in quota ai “Sammartiniani” di Articolo 4-Pd – sarà anche nelle prossime settimane al lavoro sulla sua poltrona di presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti.

Non si muoverà da lì, almeno fino a decisione giudiziaria sull’ipotesi di incompatibilità “per mancanza di esperienza nel settore” che è stata sollevata dai revisori dell’Amt. In primavera, il verdetto (di primo grado). Intanto, Puccio La Rosa non sarà – per usare un’espressione cara agli statunitensi – un’anatra zoppa.

L’assessore afferma: “I dubbi sui requisiti di nomina riguardano aspetti molto particolari previsti nello Statuto, nulla che possa pregiudicare la sua permanenza in carica. L’amministrazione ha scelto La Rosa ritenendo che fosse tutto in regola, ma adesso non resta che aspettare e, poi, rimettersi alla valutazione del giudice”.