Da ieri l’Inps è nelle condizioni di procedere  alla elaborazione delle pratiche di disoccupazione agricola  e liquidarle entro questa settimana. Le forti sollecitazioni fatte dalle segreterie nazionali di Flai-Cgil Fai- Cisl e Uila-Uil  nei giorni scorsi , affinché  l’impegno assunto dall’Inps di procedere alla liquidazione  si concretizzasse, hanno prodotto dei risultati concreti.

Lo comunicano i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Catania, Angelo Villari, Alfio Giulio e Angelo Mattone.

“Tale  primo risultato – dicono i tre sindacalisti – è il frutto dell’iniziativa del sindacato unitario  presso l’Inps e il Ministero del lavoro; gli interventi romani si sono dimostrati opportuni e di natura molto diversa rispetto a coloro che hanno creato solo facili illusioni con iniziative da venditori di fumo. Da oggi in poi, il  sindacato unitario catanese  Cgil  Cisl e Uil non tollererà  più   ritardi che non sono più giustificati e, in assenza di liquidazioni,  i lavoratori saranno chiamati alla mobilitazione.

Cgil Cisl e Uil, e Flai Fai e Uila di Catania fanno “dunque appello all’Istituto etneo di procedere contestualmente a liquidare le prestazioni agli  oltre  25 mila lavoratori. Ulteriori ritardi non sono più tollerabili. Per quanto ottiene le pratiche sospese, abbiamo preteso che l’Istituto non solo proceda in tempi celeri a verificare la posizione  di ogni singolo lavoratore, ma  che  ciò avvenga senza forzature, attivando le procedure che consentono – concludono – ai lavoratori di far valere  i propri diritti nelle sedi opportune ed in tempi ragionevoli”.

eur