I due volti del turismo invernale sull’Etna sono ben rappresentati nella giornata di oggi. L’eruzione sta richiamando tantissimi turisti e stamani, grazie anche alle condizioni meteo favorevoli, si assiste ad un viavai di persone che vogliono assistere allo spettacolo offerto dal vulcano.

In particolare è la stazione sud, quella che si trova nel territorio di Nicolosi, a registrare un incremento dei flussi turistici legati proprio alle escursioni in funivia per osservare da una prospettiva ravvicinata l’attività eruttiva.

Sul versante opposto, nella stazione di Piano Provenzana a Linguaglossa, continua invece il consueto pellegrinaggio di appassionati di sport invernali richiamati anche dalle nevicate dei giorni scorsi.

A differenza dell’area meridionale, completamente annerita dalla cenere vulcanica che fuoriesce dal Nuovo cratere di Nord est, le piste da sci di Etna Nord infatti sono ancora candide. Qualche sbuffo nero ha colpito solamente la pista Anfiteatro che resta comunque sciabile. Buone le condizioni della tenuta della neve che specie alle prime ore del mattino risulta essere eccezionale per sciare.

La stagione sciistica va avanti, dunque, come nelle località alpine.