La seconda rata  dell’Imu rischia di diventare un salasso insopportabile per 300 famiglie  del quartiere Librino, che non sanno come affrontarne il pagamento e chiedono al Comune di Catania la riduzione dell’aliquota.

Domani, mercoledì 21 novembre, alle 10,30, nella sede di Legacoop, in via Santa Maria di Betlem, a Catania, sarà il presidente provinciale della Lega delle cooperative Giuseppe Giansiracusa insieme ai presidenti  delle principali cooperative catanesi  di abitazione a proprietà indivisa, Angelo Lagona della coop “Gli Amiconi” e  Alessandro Scala  della coop “Risveglio”,  a spiegare ai giornalisti i motivi della richiesta che se non venisse accolta potrebbe scatenare una clamorosa protesta.

“Il Governo nazionale ha previsto che non è dovuta la quota a favore dello Stato per l’Imu relativa alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa (case popolari con pagamento di canone)  adibite a prima casa – ha spiegato Giuseppe Giansiracusa –   pare ovvio che la rinuncia dello Stato alla propria quota abbia l’evidente intento di favorire le cooperative edilizie di abitazione , dando così la possibilità ai Comuni di deliberare le riduzioni di aliquote a favore di tali soggetti”.

“Non a caso la maggior parte dei Comuni italiani – ha aggiunto Giansiracusa – ha deliberato aliquote agevolate a favore delle stesse cooperative. Per questo chiediamo al sindaco di aderire a questa interpretazione, evitando così  che la maggiorazione delle imposte che la cooperativa dovrà pagare ricada indirettamente sui soci assegnatari e sulle loro famiglie”.

far-com