L’aveva massacrata di botte e stava tentando di strangolarla quando a fermarlo sono arrivati, fortunatamente, i carabinieri.

Una furiosa lite fra giovani fidanzati poteva trasformarsi in tragedia se non ci fosse stato l’intervento di un cittadino che rendendosi conto di quanto stava avvenendo ha contattato i carabinieri.

E’ avvenuto la notte scorsa in piazza Montessori a Catania, dove i militari hanno sorpreso sul sedile posteriore di una Alfa Romeo un giovane di 23 anni che stringeva le mani al collo della sua ragazza.

I carabinieri, dopo aver sottratto la ragazza alla furia del fidanzato,  per poter estrarre il giovane dall’auto hanno dovuto ingaggiare una violenta colluttazione terminata comunque con il suo arresto.

La ragazza aveva il volto tumefatto ed è stata trasportata d’urgenza nel vicino ospedale Garibaldi Centro di Catania dove le è stato riscontrato un trauma cranio-facciale  con lesioni e graffi sparsi sul collo. Il fidanzato è stato posto agli arresti domiciliari.