Tempo di vacanze, di gite fuori porta e magari per scoprire piatti prelibati. Dopo avervi proposte le migliori 10 (più una) trattorie della Sicilia occidentale, vi proponiamo la classifica stilata dal giornale di enogastronomia Scelte di Gusto delle 10 migliori trattorie della Sicilia orientale. Un viaggio attraverso il gusto da non perdersi.

Nella splendida Taormina, in provincia di Messina, merita un pranzo o una cena il ristorante Tischi Toschi. Cucina semplice e del territorio con materie prime d’eccellenza. Da provare le busiate con pesto trapanese, gli involtini di spatola alla messinese (a ghiotta) e la spuma di pistacchi.

Ancora nel Messinese, ma spostandosi sui Nebrodi, a Sinagra c’è la trattoria dei Fratelli Borrello, che propongono alimenti prodotti da loro: i salumi, i formaggi, le carni del suino nero allevato allo stato brado.Il locale è stato premiato nel 2009 come Migliore Macelleria Best in Sicily.

A Milazzo, vicinissimo al molo, c’è Al Bagatto, gestito da Raffaele Esposito. Da provare la pasta fresca realizzata con le farine di grani antichi siciliani, la carne di manzo e la varietà di ortaggi freschi.

Prendete l’aliscafo e partite alla volta delle isole Eolie. Raggiungete Salina e fermatevi nel piccolissimo comune di Leni. A Villa Carla, in un un giardino con vista mare sul resto delle Eolie potrete degustare piatti davvero succulenti. Tra i primi i ravioli con capperi. Imperdibile la parmigiana di melenzane, i fiori di zucca in pastella, i filetti di sgombro sulle foglie di limone.

A Milo, in provincia di Catania, simpatia ed accoglienza sono le caratteristiche dei Quattro Archi. Molti i piatti preparati con i prodotti presidio Slow Food ed un grande amore per l’Etna. Rinomata la pasta con il macco di fave o con il ragù di maialino nero.

Ricette semplici e genuine sono il comune denominatore del ristorante Terra Mia, che si trova a Castiglione di Sicilia.
Da provare il tagliere di salumi e formaggi, lo spaghettone di pasta fresca con salsiccia e zafferano o la pasta al tartufo di Palazzolo Acreide. Tanti piatti a base di funghi.

A Catania, città del leggendario elefante nonché scrigno di imperdibili bellezze architettoniche, merita certamente una visita la trattoria Me’ Cumpari, dove il gioviale proprietario ‘Turiddu’ tratta ogni ospite proprio come se fosse un ‘cumpari’, un amico del cuore, un ‘mezzo parente’. Il menù privilegia le eccellenze etnee. Tra i piatti più noti gli spaghetti alla Turiddu, il tortino di alici e la parmigiana, le caserecce al pesto o la pasta con il ragù bianco di asino.

Spostandosi nel Siracusano, a Palazzolo Acreide c’è il ristorante Andrea, il cui titolare, che dà il nome al locale e di cognome fa Alì, porta in tavola solo gli ingredienti di stagione cucinati secondo le ricette delle nonne, dando vita ad un menù che varia sempre. Da provare le carni locali e le trote “Manghisi”. Migliore Trattoria Best in Sicily 2015.

Ancora nel Siracusano, a Buccheri, c’è l’Osteria U’Locale, dove assaporare le verdure selvatiche preparate in vari modi e gli ortaggi freschissimi. Da provare le tagliatelle fatte in casa con peperoni arrostiti e pomodoro e gli spiedini di pecora.

Infine nel Ragusano, nella cittadina barocca di Modica, non si può non fermarsi alla Locanda del Colonnello dove lo chef Davide Minerva propone i piatti del territorio rivisitati con un pizzico di fantasia.
Tra gli antipasti polpo e patate e salsa di limone all’origano, tra i primi i ravioli di patate al sugo di cozze, tra i secondi il pesce in guazzetto, verdure e crostini.