I capitali racimolati illecitamente dal clan venivano re-investiti in attività imprenditoriali e commerciali.

La cosca Cappello-Bonaccorsi aveva maturato negli anni la capacità di infiltrarsi nel tessuto economico e sociale, anche attraverso l’appoggio di una vasta rete di imprenditori. Anche nel settore dei rifiuti.

30 arresti a Catania per mafia 

Tra gli imprenditori è emersa la figura di Giuseppe Guglielmino titolare di diverse ditte specializzate nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti. Gli affari venivano fatti attraverso aziende a lui riconducibili, sebbene intestate fittiziamente a prestanome, come la “Geo Ambiente s.r.l.”, la “Clean Up s.r.l.” e la “Eco Businnes s.r.l.” al quale è stata contestata l’appartenenza all’associazione mafiosa.

Nei confronti delle società “Geo Ambiente s.r.l.” e “Clean Up s.r.l” – che, da sole o in Associazione Temporanea di Imprese, si sono aggiudicate negli anni diversi appalti nelle province di Catania, Siracusa e Ragusa e della “Eco Businnes s.r.l. è stato disposto il sequestro preventivo delle totalità delle quote societarie e dell’intero patrimonio aziendale. La società Clean Up è quella di Motta Sant’Anastasia. 

Inoltre, con la “Geo Ambiente s.r.l.”, società per la raccolta di rifiuti solidi urbani,  Giuseppe Guglielmino era riuscito a ottenere l’affidamento di lavori in alcuni comuni della regione Calabria, subendo il 28 ottobre 2012 il danneggiamento a seguito dell’incendio di due camion. Di quanto accaduto si era subito interessata l’organizzazione mafiosa di appartenenza che, attraverso l’intervento di Santo Strano, aveva garantito la prosecuzione dell’attività senza ulteriori problemi.

PER SAPERNE DI PIU’