I rifiuti di mezza Sicilia, 300 tonnellate trasferite e smaltite nel Catanese? Siamo all’inverosimile, il presidente Rosario Crocetta smentisce se stesso”.

E’ un fiume in piena il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo: la notizia di una nuova ordinanza firmata dal Governo Regionale siciliano (come anticipato da BlogSicilia) non gli ha fatto trascorrere una serena nottata.

Il provvedimento del presidente Rosario Crocetta autorizza lo scarico di 300 tonnellate al giorno dalla discarica di Bellolampo a quella di Valanghe d’Inverno a Motta Sant’Anastasia per evitare la saturazione della discarica palermitana.

“La mancanza di una politica seria – dice il sindaco Di Guardo – lo induce a contraddire se stesso. E’ venuto a Misterbianco promettendo la chiusura della discarica illegittima di Valanghe d’Inverno ed invece i rifiuti continuano a girare da una parte all’altra della Sicilia come una trottola, avendo altresì promesso pubblicamente di volerli portare all’estero.”

Benché i rifiuti da conferire a Valanghe d’Inverno sono già trattati, in quanto l’Oikos non dispone del sistema di trito vagliatura, si tratta pur sempre di rifiuti ed in una quantità considerevole con un ennesimo aumento dei costi.

LA DANZA DEI RIFIUTI SICILIANI 

“Misterbianco e Motta Sant’ Anastasia che da 30 anni subiscono il dramma di questo disagio ambientale – continua Di Guardo – adesso pagano anche il prezzo di questa inconcludenza ed incapacità a gestire il sistema rifiuti. Per questo facciamo appello al Ministro all’Ambiente – continua Di Guardo – che nel corso della sua visita nel nostro comune aveva promesso il suo interessamento ed assumeremo tutte le iniziative necessarie affinché venga posta la parola fine a questa vicenda. Il presidente Crocetta – conclude il sindaco – ci lascerà il peggiore ricordo del suo fallimento nella gestione dei rifiuti in Sicilia.”