Arrivano notizie positive per i pensionati Enel ai quali l’azienda ha tolto lo sconto in bolletta elettrica per sostituirlo con l’una tantum: potranno essere assistiti dalla Fnp Pensionati Cisl e dal Caf Cisl per risolvere la conciliazione con l’azienda.

La stessa Enel ha informato via lettera i beneficiari, in modo che possano sottoscrivere un apposito verbale di conciliazione entro il 31 dicembre 2016. Gli ex dipendenti che vogliono accettare l’accordo tra Enel e la Flaei, il sindacato dei lavoratori dell’elettricità Cisl, possono rivolgersi alla Fnp per l’acquisizione dei dati di consenso e per tutto il lavoro di preparazione per la conciliazione.

A tale scopo, la Fnp Cisl Catania ha individuato tre uffici referenti per tutto il territorio etneo: per Catania, in via Vincenzo Giuffrida 160, tel. 095 317255; per la zona ionica, a Giarre, in piazza Biagio Andò 10, tel. 095 7828958; per il Calatino, nella sede di via Sturzo, 35 a Caltagirone, tel. 0933 58259.

I documenti da esibire per la compilazione sono copia della bolletta relativa alla fornitura di energia elettrica; copia di un documento di riconoscimento e codice fiscale; codice IBAN.

Fino al 31 dicembre 2015, l’Enel riconosceva a tutti i dipendenti Enel, in servizio e non (pensionati, ex dipendenti Enel e superstiti) uno sconto sulla tariffa dell’energia elettrica in bolletta.

Dall’1 gennaio 2016, lo “sconto tariffario” è stato sostituito con un importo forfettario erogato “una tantum“. L’importo è variabile e va dai 1.800 ai 6.000 euro, in base all’età del beneficiario. L’ex lavoratore Enel o superstite può aderire entro fine 2016 facendone apposita richiesta.