Marcia indietro sull’accorpamento delle Camere di commercio di Ragusa, Siracusa e Catania. Il Ministero dello Sviluppo economico ha fatto sapere che  la procedura è stata annullata ed ha annunciato l’emissione di un decreto.

L’iter, fa sapere ancora il Mise, verrà concordato con la Conferenza Stato Regioni, così come aveva anticipato qualche tempo fa il ministro Carlo Calenda in una lettera ad presidente della Regione, Rosario Crocetta.

La decisione arriva sulla base delle «criticità che hanno generato una situazione di rilevante conflittualità e di grave incertezza che stanno caratterizzando il processo di accorpamento, ma soprattutto della volontà espressa dalla Regione Sicilia di voler rivalutare complessivamente il processo in atto, e al fine di garantire la piena e indiscussa volontà di tutti i soggetti interessati a voler concludere il processo di accorpamento».

Il ministero spiega ancora che  i soggetti “cui possa derivare un pregiudizio dal provvedimento, possono presentare memorie scritte, documenti e osservazioni entro 10 giorni”.