L’uomo ucciso nella sparatoria a Milano, in cui è rimasto ferito un poliziotto, è il killer di Berlino Anis Amri l’autista del Tir dell’attentato a Berlino che ha causato 12 morti e numerosi feriti al mercatino di Natale.

Lo scorso mese di giugno la Questura di Catania, nell’ambito di un monitoraggio su clandestini ‘pericolosi giunti in Italia’, ha inviato una dettagliata informativa alla Direzione centrale di polizia di prevenzione su Anis Amir.

La nota era stata sollecitata dall’Intelligence in quanto probabilmente era scomparso, dopo che la Tunisia aveva rifiutato l’espatrio.

Nell’informativa i poliziotti catanesi evidenziavano piuttosto che la sua fede integralista islamica, la personalità e il carattere ritenuto piuttosto violento di Anis Amir durante i sette mesi di permanenza a Catania dall’aprile 2011 data del suo arrivo in città fino al mese di ottobre dello stesso anno.

Amri durante il soggiorno in uno Spar di Belpasso si era manifestato violento animando un incendio e danneggiamenti al’interno della comunità. Per questi atti fu arrestato e rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza e successivamente trasferito a Enna.

PER SAPERNE DI PIU’ 

Leggi anche la storia dei palermitani feriti a Berlino, la video intervista ai superstiti

Leggi anche, veniva dal carcere di Palermo il killer di Berlino