Il derby con il Catania, in programma sabato sera, ha fatto saltare in passato più di una panchina al Palermo del vulcanico Maurizio Zamparini. Stavolta sarà diverso: Gian Piero Gasperini può stare tranquillo, comunque vada. A ribadirlo, a Skysport 24, e’ lo stesso presidente rosanero:

“E’ un ottimo allenatore, ha la fiducia mia e di Lo Monaco (l’amministratore delegato, ndr). Insieme stiamo lavorando e a gennaio andremo a completare una rosa non costruita per il suo gioco. Siamo al 90 per cento e faremo degli innesti. I nomi? Ne abbiamo quattro-cinque in bacheca ma non li faccio perche’ nemmeno li conosco”.

Un derby può servire a risollevare le sorti di un Palermo che bivacca nella parti basse della classifica: “Ne usciremo fuori con umiltà, lavoro e serietà. Ci può stare, anche la Fiorentina si è trovata nella stessa situazione negliultimi due anni e, come loro, ne verremo fuori. Non so se domenica, ma ci riusciremo”.

Più che tecnico, la squadra rosanero ha un gap di tipo caratteriale: “E’ sempre stata la nostra caratteristica e non siamo riusciti a modificarla. Abbiamo bisogno di giocatori di carattere, finora abbiamo disputato ottimi e pessimi incontri ma anche domenica a Bologna, prima del gol di Gilardino, stavamo facendo noi la partita. Da quel momento, inece,
il Palermo è calato e abbiamo avuto contro tutti gli episodi, compreso il rigore”.

Per Zamparini, “il Catania al momento è più forte di noi ha un’esperienza collaudata”, pero’ il massimo dirigente dei siciliani fa notare che “e’ la prima volta, da quando sono al Palermo, che partiamo sfavoriti. E sicomme i derby li abbiamo persi quasi tutti, spero che stavolta sia un vantaggio per noi”.